Assunzione

Nel nostro ordinamento il contratto di lavoro si considera concluso quando c'è l'accordo tra le parti, ossia nel momento in cui chi fa la proposta, di norma il datore, ha conoscenza dell'accettazione dell'altra parte, di norma il lavoratore (art.1325-1342 del codice civile). Per la sussistenza del contratto di lavoro non è in generale necessaria la forma scritta, con alcune notevoli eccezioni che riguardano il contratto a tempo parziale, il contratto di prova, il contratto a tempo determinato (v.). In assenza di forma scritta, il rapporto di lavoro si presume essere sempre a tempo pieno e indeterminato. Solitamente i contratti collettivi prevedono che il datore di lavoro comunichi all'atto di assunzione - con apposita lettera di assunzione - al lavoratore gli elementi essenziali del rapporto di lavoro, in particolare: qualifica, mansione, orario di lavoro, luogo della prestazione, trattamento economico e contratto collettivo di riferimento. A rinforzo di quest'obbligo di informazione, il dlgs 152/1997 obbliga il datore di lavoro a comunicare per iscritto questi elementi entro 30 giorni a pena di una sanzione amministrativa.

Il dpr 442/2000, art. 7, ha abrogato l'obbligo del lavoratore di consegnare, all'atto dell'assunzione, al datore di lavoro il proprio libretto di lavoro. Questo continua comunque a essere documento obbligatorio del lavoratore ed è altresì fatto divieto di assumere lavoratori che non ne siano muniti (gli art. 1, comma 1 e l'art. 5 della legge 112/1935 non sono infatti stati abrogati).

Il datore di lavoro è inoltre tenuto a effettuare la registrazione del lavoratore sul libro di matricola, indicando il numero progressivo di iscrizione, le generalità del lavoratore, la data di inizio attività, la categoria professionale, la retribuzione e la data di cessazione del rapporto. Analogamente, il datore deve tenere un libro di paga con la registrazione delle ore di lavoro effettuate, della retribuzione e delle trattenute. Dal 1995 i libri di paga e matricola possono venir sostituiti da supporti informatici.

Con l'abolizione dell'autorizzazione preventiva da parte del collocamento pubblico - oggi centro per l'impiego - il datore di lavoro può procedere direttamente a tutte le assunzioni e l'unico obbligo che permane nei confronti del centro per l'impiego territorialmente competente è quello della comunicazione, che deve essere effettuata utilizzando l'apposito modulo entro 5 giorni dalla data di assunzione.

Il dizionario del Lavoro

Molti termini vengono usati di continuo, ma ne conosciamo il significato ?

Ecco alcuni dei termini del mondo del lavoro più comuni

Copyright © Multimedia Web Services All Rights Reserved
In collaborazione con: Offerte di Lavoro